Abruzzo: tra mare e cultura

Descrizione

1° giorno: ROMA
Arrivo dei signori partecipanti, in aeroporto di Roma, disbrigo delle formalità, incontro con assistente e sistemazione in bus e partenza per Roma, la “città eterna”, ricca di fascino e di suggestivi monumenti, si potrà ammirare : via dei Fori Imperiali, una delle più suggestive strade di Roma, che separa i Fori Imperiali dal Foro Romano, simbolo della città stessa all’occhio del mondo: il Colosseo. Il nome originale è Anfiteatro Flavio e nell’antichità era la sede di spettacoli con combattimenti tra belve e gladiatori, che poteva ospitare circa 45.000spettatori. La sua costruzione fu iniziata da Vespasiano ma fu Tito ad inaugurarlo nell’80, con i celebri giochi che durarono per 100 giorni, la splendida scalinata di Trinità dei Monti a Piazza di Spagna; il Palazzo della Borsa; il Palazzo di Montecitorio, sede della Camera dei Deputati; il Palazzo Borghese; via Condotti ricca di splendidi negozi. In serata, trasferimento in hotel, sistemazione, cena e pernottamento

2° giorno: SAN GABRIELE – CASTELLI – ROSETO DEGLI ABRUZZI
Prima colazione in hotel, partenza per L’Abruzzo con sosta al grande santuario di San Gabriele, posta ai piedi del Gran Sasso in uno paesaggio unico nel suo genere, è tra i più conosciuti in Italia e in Europa. Una recente classifica lo colloca tra i primi quindici santuari più frequentati del mondo. Il santuario di San Gabriele si trova al centro di un triangolo sacro che racchiude tre tra i più celebri santuari d’Europa: Loreto, San Gabriele, San Giovanni Rotondo. Il santuario dedicato al giovane santo è divenuto, in questi ultimi decenni, uno dei fenomeni più singolari della religiosità popolare nell’Italia di fine millennio. La fama del santo dei miracoli si basa su una ininterrotta serie di fatti soprannaturali, testimoniati da migliaia di ex voto donati al santuario. Pranzo in ristorante con piatti tipici della cucina teramana, come i maccheroni alla chitarra. Dopo pranzo partenza per Castelli, la città della ceramica, sita alle falde del Gran Sasso. E’ famosa per la produzione di ceramiche, una tradizione che risale all’inizio del Rinascimento. Si potrà ammirare, i vari negozi e laboratori ove si produce i vari manufatti, la Chiesa di San Donato, nata anticamente come cona, ossia chiesetta di campagna questa chiesa fu definita dallo scrittore Carlo Levi la Cappella Sistina della Maiolica, per via del soffitto interamente costituito di tavelle decorate a maiolica. Al termine proseguimento per Roseto, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno: ROSETO – CAMPLI
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata al relax o divertimento in spiaggia. Pranzo in hotel, dopo pranzo partenza per Campli, borgo teramano, ricco di pregevoli monumenti La città, conserva ancora rilevanti tracce delle antiche fortificazioni (es. la Porta di accesso al quartiere orientale di Castelnuovo) e torri di avvistamento (Torre dei Melatino, eretta nel 1394), visse un periodo di massimo splendore tra il XIII e il XVII secolo, epoca durante la quale fu edificata la maggior parte degli splendidi tesori artistici che oggi si possono ammirare all’interno del centro storico: la Collegiata di S. Maria in Platea (XIV sec.), il Palazzo del Parlamento o Palazzo Farnese (XIV o XV sec.), la chiesa di S. Francesco (XIII sec.), con magnifico portale, la chiesa di S. Giovanni Battista (XI sec.). Il 21 Gennaio 1772 Papa Clemente XVI attribuì alla città di Campli il privilegio della Scala Santa, all’interno della quale si trovano tesori artistici di immenso valore. La Scala è formata da 28 gradini in legno di ulivo, da salire in ginocchio e in preghiera per poter beneficiare delle stesse indulgenze attribuite alla Scala Santa di Roma. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° giorno: ROSETO – CIVITELLA DEL TRONTO
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata al relax o divertimento in spiaggia. Pranzo in hotel, dopo pranzo partenza per Civitella del Tronto. Sita su una rupe rocciosa di travertino ed è sovrastata dalla Fortezza, ultimo disperato baluardo dei Borbone di Napoli e del Regno delle Due Sicilie che resistette strenuamente fino all’ultimo e si arrese ai piemontesi addirittura dopo che fu proclamata l’Unità d’Italia. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

5° giorno: ROSETO DEGLI ABRUZZI
Pensione completa in hotel. Giornata dedicata al divertimento e alle attività balneari.

6 ° giorno: ROSETO DEGLI ABRUZZI – PESCARA
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata al relax o divertimento in spiaggia. Pranzo in hotel, dopo pranzo partenza per Pescara. Visita della casa ove nacque e trascorse la sua infanzia il grande poeta D’Annunzio. Si potrà ammirare il Ponte del Mare, progettato dall’architetto tirolese Walter Pichler ed ultimato nel 2009, unisce le due riviere a nord e a sud del fiume, si prosegue con la visita dei Trabocchi “La grande macchina pescatoria”, come li definì Gabriele d’Annunzio nel Trionfo della morte. Cena in ristorante in un tipico trabocco. Pernottamento in hotel.

7° giorno: ROSETO DEGLI ABRUZZI – SULMONA – CASERTA
Prima colazione in hotel partenza per Sulmona, Ricca di opere d’arte, di antiche origini, fu patria dell’illustre Ovidio e Papa Innocenzo VII, famosa per l’arte dell’orificeria e per la lavorazione di confetti. Si potrà ammirare la Cattedrale – di origine romanica –  di San Panfilo, dove Celestino V  celebrò messa durante il viaggio verso L’Aquila. Il complesso della SS. Annunziata, fondato nel 1320, presenta caratteri gotici, rinascimentali e barocchi. L’imponente, acquedotto medievale realizzato per rifornire di acqua le varie strutture dell’abitato. La chiesa di San Francesco alla Scarpa che conserva un pregevole e imponente portale romanico, Porta Napoli costruita nel 1300 si impone per l’eleganza del bugnato e per la decorazione a piccoli rosoni che caratterizzano i singoli conci. Si prosegue per Badia Morronese. Fu l’eremita Pietro Angeleri, poi papa con il nome di Celestino V il fondatore dell’edificio religioso; l’anacoreta nativo di Isernia infatti, giunto ai piedi del Monte Morrone nel 1241 fece portare a termine l’ampliamento dell’originaria cappella intitolata a Santa Maria del Morrone, promuovendo in seguito la costruzione di una chiesa dedicata allo Spirito Santo. E’ qui dove nacque l’ordine dei celestini. Oggi la struttura è un complesso monumentale architettonico di notevole dimensioni. Pranzo in ristorante, con menu tipico e con assaggio dei grandi confetti di Sulmona. Dopo pranzo proseguimento del viaggio per Caserta, visita della grande reggia, capolavoro del grande architetto Vanvitelli, in serata trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

8° giorno: NAPOLI
Prima colazione in hotel, partenza per Napoli. Si potrà ammirare : Piazza del Municipio è una delle piazze più importanti della città, Castel Nuovo o Maschio Angioino, divenne ben presto simbolo di un’intera città, fu caposaldo del potere angioino prima, di quello aragonese poi, e infine, di quello borbonico. Attualmente il complesso monumentale viene destinato ad un uso culturale ed è, tra l’altro, la sede del Museo Civico, il Teatro San Carlo fondato nel 1737, risulta essere il teatro d’opera più antico d’Europa.  Fu eretto per volontà di Carlo di Borbone. Il Palazzo reale è una sfarzosa residenza seicentesca edificata in onore del Re di Spagna, la piazza più grande di Napoli, ovvero Piazza del Plebiscito, la Basilica di Santa Chiara, costruita tra il 1310 e il 1340, che conserva nel coro frammenti di affreschi di Giotto, il duomo che custodisce le reliquie di San Gennaro. Pranzo in ristorante a base di pizza napoletana. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

9° giorno: RIENTRO
Prima colazione in hotel, partenza per il trasferimento in aeroporto di Roma. FINE DEI SERVIZI.